Translate

sabato 6 aprile 2013

VALENTINO ROSSI MARCA JORGE


(6/4/2013) - Passata la notte e, si spera, anche il fastidioso mal di testa, Valentino Rossi si accinge ad iniziare ufficialmente forse la sua stagione più importante. Messa alle spalle la (dis)avventura alla Ducati, il pesarese ha riottenuto l'amata Yamaha e ora è chiamato a dimostrare, nonostante l'età più avanzata rispetto ai concorrenti, di essere sempre il "Dottore". Oggi in Qatar le qualifiche, ieri era quarto al termine delle ultime libere. "Le prove non sono andate così male, stiamo continuando a lavorare per la gara. Dobbiamo ancora decidere quali pneumatici utilizzare, che sarà molto importante per domenica. Abbiamo l'obiettivo di iniziare il più avanti possibile, magari in prima fila. Oggi sto meglio e domani sarò al massimo". Il primo problema, però, ce l'ha in casa: Jorge Lorenzo: - apparentemente sembrano lontani i momenti in cui letteralmente un muro li separava al box e nella vita - per il momento il maiorchino è davanti a tutti. Ma Rossi ancora non si scompone: "Per me è un po’ una sorpresa essere così davanti, così vicino a Lorenzo, non solo nel singolo giro, ma, soprattutto, nel passo. Lui va molto forte, usa questa moto al 100%, ma è importante essere lì vicino". Si stanno studiando, Rossi ha il "vantaggio" per un pò di poter temporeggiare: "Bisognerà vedere gara dopo gara, ma per il momento mi godo questo momento. E’ bello perché entro in pista, provo a modificare le traiettorie, ci riesco e sono più veloce. Io sono cresciuto con questa moto, ho degli automatismi naturali, essendo stato sulla M1 per 7 anni nell’età in cui impari di più. Per me, che ho sempre lottato per vincere, è tutta un’altra motivazione". Ma in MotoGp come in F.1 il metro di paragone fin da domenica sera sarà lui, il campione del mondo in carica: "Se riesco a giocarmela con Jorge, che è in grande forma, nel migliore momento della sua carriera, vuol dire che ho fatto un buon lavoro”. 

Nessun commento:

Posta un commento