Translate

lunedì 22 aprile 2013

MATRIGNA RAI E LA TELECRONACA MOLTO DIFFERITA

(22/4/2013) - Anche questa volta quei buontemponi della Rai hanno fatto di tutto per far disamorare gli appassionati di Formula 1. La molto-differita del Gran Premio del Barhain è andata infatti in onda ieri solo a partire dalle ore 21.00. L'accordo con Sky, detentrice dei diritti, prevede che la trasmissione sui canali della rete di Stato possa avvenire non prima di tre ore dalla conclusione della gara... Alla Rai, nonostante la messe di canali digitali a loro disposizione, hanno pensato bene di far attendere i tifosi sei ore e - questa l'ideona - addirittura di mettere il Gran Premio in concorrenza con la MotoGp in America, trasmessa alla stessa ora in diretta su Italia1. Dei veri geni: molti non avranno fatto altro che alternare la visione dell'uno (ormai decotto) e dell'altro (che offriva lo spettacolare duello tra Marquez e Pedrosa). Il sito cinetvmania.it riporta il seguente responso: la differita del GP del Bahrain ha catturato l’attenzione di 2.469.000 spettatori, 8,36% di share; la gara della MotoGp sul circuito di Austin ha invece goduto dell'attenzione di 3.420.000 telespettatori, 11,22% di share. Dunque F.1 sconfitta e, comunque, ben lontana dall'audience dell'anno scorso. La telecronaca di mamma, ormai matrigna Rai ha pure omesso l'intervista dei piloti sul podio... A questo punto, chi volesse esporre le sue doverose rimostranze è bene che lo faccia alla mail: motori.raisport@rai.it . Quando è troppo, è troppo!

Nessun commento:

Posta un commento