Translate

venerdì 26 aprile 2013

IL RITORNO DELLA JEEP



(26/4/2013) - Una Jeep Willys MB, che ha partecipato alla Campagna d’Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, prodotta nello stabilimento di Toledo (Ohio), tornerà negli USA in occasione del 70° anniversario della sua consegna all’Esercito Americano. La spedizione partirà da New York il 20 maggio prossimo e , dopo circa 800 miglia, raggiungerà Toledo via strada il 3 giugno, giorno esatto della sua “nascita” nel lontano 1943! Si tratta di un esemplare perfetto in ogni dettaglio, che infatti si fregia della famosa Omologazione ASI (targa oro) che certifica la assoluta qualità del veicoloQuesto raid storico, che ha l’appoggio dell’ASI – Automotoclub Storico Italiano – è stato inserito tra quelli che caratterizzano “l’anno della Cultura Italiana negli USA” e avrà il supporto dell’Ambasciata Italiana  di Washington. L’equipaggio è composto dal giornalista Vittorio Argento, Vice Direttore del Giornale Radio Rai, e da Gregory Alegi, giornalista, professore universitario di Storia americana e di storia dell’aeronautica, che cureranno il diario della “spedizione” sia via Twitter (#ajeepcomeshome) e Facebook sia con una serie di servizi trasmessi su Radio Rai. Un blog aggiornato di questa avventura è consultabile all’indirizzo http://ajeepcomeshome.wordpress.com/. Il programma prevede visite a West Point, sede della famosa Accademia Militare, Poughkeepsie, dove la Fiat, attuale possessore del marchio Jeep, aprì nel 1908 la sua prima fabbrica, Hyde Park, residenza della famiglia del Presidente Franklin Delano Roosevelt e Cleveland. La Jeep protagonista del viaggio porta le insegne della 10/a divisione da montagna, reparto che esiste tuttora a Fort Drum nello stato di New York e che durante la guerra ha operato sull'Appennino tosco-emiliano. Dopo alcuni passaggi di proprietà, la Jeep è giunta nelle mani di Vittorio Argento che ha eseguito personalmente il maniacale restauro che ne fa oggi un mezzo di riferimento.

Nessun commento:

Posta un commento