Translate

martedì 9 aprile 2013

ALLA MERCEDES OCCHIO DI RIGUARDO PER HAMILTON? Per Allan Mc Nish è proprio così

Nico Rosberg sul gradino più alto del podio del Gp Cina 2012
(9/4/2013) - Nico Rosberg si sta imbarcando volentieri per la Cina. Quest’anno è il decennale del Gran Premio  del Dragone e sulla pista a 40 km da Shanghai  il tedesco della Mercedes si è sempre disimpegnato bene:negli ultimi tre anni è stato in testa 78 giri su 168 e l’anno scorso ha finalmente vinto (Hamilton si è imposto nel 2011), regalando a se stesso e alla Casa di Stoccarda l’unica vera emozione. “Mi piace molto la pista di Shanghai e andare lì con la macchina che abbiamo in questo momento mi dà una sensazione positiva”. Ma ci arriva ancora “scottato” dagli eventi della Malesia dove, nonostante avesse un passo più veloce del neo compagno di squadra Hamilton, dal box gli è stato “consigliato” di mantenere la posizione. Così ha perso il podio da dove Lewis gli ha praticamente chiesto scusa. La gestione dei due galletti ha ovviamente fatto scaturire polemiche in seno al Team e tra gli addetti ai lavori. 

Allan Mc Nish
Alla vigilia del GP cinese, a riaprire la ferita ci pensa il pilota scozzese Allan Mc Nish – ex Toyota nel 2002 – che alla BBC (è commentatore per la BBC Radio 5) ha detto chiaro e tondo che alla Mercedes stanno favorendo Hamilton per la corsa al titolo: “Basta guardare alla conversazione radio. Anche se non è ufficiale – ha aggiunto – c’è una forte attenzione su Hamilton, essendo la loro principale sfida per il campionato. Gli hanno aperto le loro braccia e le hanno attorno a lui piuttosto bene, al momento”. Mc Nish, inoltre, non si sorprende del sopravvento del campione del mondo 2008 su Rosberg in qualifica perché lo ritiene il pilota più veloce sul giro singolo, ma allo stesso tempo considera che il compagno costituirà per lui una sfida. “Penso che Nico abbia fatto molto bene, specialmente in Malesia. – ha concluso – I compagni che hanno sfidato Lewis hanno fallito perché lui è un osso duro ed è campione del mondo per una ragione. Sarà interessante vedere se Rosberg riuscirà a mantenere pressione su di lui”.

Nessun commento:

Posta un commento