Translate

venerdì 8 marzo 2013

GLI ANNI DEL DRAGONE. Piloti, Scuderie, Case costruttrici: la Cina fa sul serio



(8/3/2013) - Non ci sono riusciti gli indiani (vedi Karthikeyan e Chandhok), non ci sono riusciti i russi (vedi Petrov, anche se una nuova generazione scalpita nelle serie propedeutiche), non ci sono eredi sudafricani di Jody Scheckter e i brasiliani non sembrano più quelli di una volta (vedi Massa & c.). Adesso, tra i rappresentanti appartenenti ai Paesi emergenti del raggruppamento denominato BRICS, ci provano i piloti cinesi. Sarà la loro volta? Le notizie, in questo esordio d’anno, si susseguono e più prove fanno una certezza: il Paese del Dragone scende decisamente in pista. L’ex segretario di stato USA, Kissinger, diceva, quando era solo una lontana ed estesa nazione sonnecchiante agli ordini di Mao: “Lasciate dormire la Cina perché al suo risveglio il mondo tremerà”. Sembra proprio che, dopo un approccio morbido, quasi sospettoso, al mondo della velocità – anche il GP di Cina a Shanghai non hai quasi mai brillato per entusiastica partecipazione di folla -  ci si stia decidendo a scalare anche questa vetta sportiva, dopo le prove di impressionante supremazia fornite in tante discipline olimpiche. (L’attenzione cinese al settore automotive è testimoniato anche dal debutto al Salone di Ginevra della  Casa costruttrice Qoros, che ha grandi piani di espansione commerciale). (CLICCA SU CONTINUA A LEGGERE)

La presentazione del Team China Racing che parteciperà alla Formula E 2014


Ho Pin Tung
Vediamo: la Catheram ha confermato Ma Quing Hua come pilota di riserva (insieme all’americano Alexander Rossi) ed è già stato annunciato che scenderà in pista nel venerdì del prossimo GP di casa. Nel 2012 ha effettuato la stessa sessione di prove libere in quattro occasioni. Nel 2013, oltre al programma F1, il 25enne di Shanghai correrà in GP2 sempre con lo junior team della compagine malese, convinto delle sue capacità dopo i test di Jerez. “La Cina può essere orgogliosa – dice Ma – di avere un pilota coinvolto nelle corse automobilistiche a un così alto livello”.
Pilota già molto noto è poi Ho Pin Tung, 30 anni, residente ad Amsterdam. La francese OAK Racing ha annunciato di averlo ingaggiato per disputare la Asian Le Mans Series su una Morgan LM P2: in calendario sei 3 Ore. Pin Tung nel 2012 ha disputato la Porsche Carrera Cup Asia, ma il suo curriculum è importante. E’ stato pilota di riserva in F1 della Lotus Renault (2011) e della Renault (2010); ha corso e vinto una gara in Superleague (2009); ha corso per 4 anni in A1 GP. In GP2, tra il 2007 e 2008, ha colto un ottimo secondo posto a Montecarlo e nel 2006 è stato campione F3 in Germania. Le prime esperienze le ha maturate sui kart e poi in F. Ford e F. BMW Asia. “Sono molto orgoglioso – ha commentato Ho Pin Tung –  di avere l’opportunità di difendere i colori del mio paese in questa nuova serie in Asia promossa dall’ACO. Le condizioni sembrano mature per fare grandi cose insieme e non vedo l’ora di disputare la prima gara a Zhuhai il 5 maggio”.
Detto dei piloti, c’è movimento anche ad altro livello: il Team China Racing è diventato il secondo team ufficialmente iscritto al Campionato Formula E riservato a monoposto a propulsione elettrica e in programma dal 2014. Si tratta della stessa squadra che mise in pista la vettura con i colori cinesi, e il diretto supporto dello Stato, nella A1 ma che ora annuncia piani più ambiziosi come quello di costruirsi le vetture in Cina e di affidare il volante a piloti cinesi come Qing Hua Ma, Cong Fu Cheng e Ho Pin Tung. Alejandro Agag, Presidente della Formula E Holdings, la società che organizza la serie, non si accontenta e dice: "Ci aspettiamo di avere anche piloti cinesi nella Formula E e ci auguriamo di accogliere presto l’ingresso di altre aziende cinesi". Ancora più preciso Yu Liu, team principal della scuderia: "Credo che la Formula E sia una piattaforma ideale per fare in modo che la Cina sia coinvolta nel futuro del motorsport. La nostra presenza incoraggerà milioni di fans a seguire la serie". E’ l’inizio.

Ma Quing Hua, a destra, pilota di riserva della Catheram F1


Nessun commento:

Posta un commento