Translate

sabato 2 febbraio 2013

INCOGNITA WEBBER PER LA RED BULL

(2/2/2013) - Tutti gli occhi sono puntati ora verso la factory inglese della Red Bull dove domani, di domenica!, verrà presentata la Red Bull RB9. Se anche questa volta quel geniaccio di Adrian Newey azzeccherà ogni mossa, per tutti gli altri saranno cavoli amari tenuto presente il vantaggio tecnico dal quale partono e del quale hanno dato ampia dimostrazione nella seconda parte della stagione 2012. Unica nube al loro orizzonte, il comportamento che andrà ad assumere la seconda guida Mark Webber. Con tutta probabilità è il suo ultimo anno alla corte di Helmut Marko che, per la verità, sembra avergli dato già il ben servito avendolo criticato in un' intervista al "Bollettino Rosso", magazine della Scuderia. Aveva la stessa macchina di Vettel, eppure non ha conseguito risultati degni, ha in buona sostanza detto. Mark non si è scomposto ma ha ingoiato amaro"Ora è evidente che io non sono parte dei suoi piani". Sigh! Non gli resta che concentrarsi per Melbourne e lo sta facendo: "Tra poco avrò tra le mani la RB9 e ho anche un nuovo ingegnere di corsa, Simon Rennie. Sarà importante avere una proficua pre-stagione con lui dopo avere speso sei anni con Ciaron Pilbeam col quale ho avuto un rapporto lungo e divertente, ma lui non è più con la squadra. Non vedo l'ora di cominciare la stagione in Australia  ma è il caso di prendere ogni settimana, prova e corsa come viene." La domanda è: farà il bravo scudiero o l'anarchico? 

 
 

Nessun commento:

Posta un commento